Cosa ne pensi del matrimonio?

Link alla domanda

Penso che le cose siano cambiate.
Sinceramente, esistono ancora persone che si innamorano perdutamente e si sposano con la persona che è stata il loro primo amore, per poi passare tutta la vita con lei senza mai tradirla anche solo con il pensiero, finché morte non li separi?
Forse il matrimonio non significa solo questo, forse due persone si possono sposare anche dopo cinque anni di convivenza, avere due conti separati, dividere le spese equamente fino all’ultimo centesimo, litigare per chi lava il bagno e per chi stira; ma io quando sento la parola matrimonio mi viene in mente solo quello che ho descritto nel primo paragrafo.
Per certi versi alcuni ancora ci credono all’amore quello vero, ma per troppi rimane un contratto che assicurerà dei beni una volta divorziati, non parliamo poi di quelle che si sposano per soldi con uomini che non considererebbero nemmeno se non avessero tutti quei fottuti soldi.
Penso che il matrimonio sia una cosa sacra, troppo sacra, che persone così superficiali e materialiste non meriterebbero nemmeno. Il matrimonio unisce due persone perché si amano, anche se queste persone non hanno niente, anche se lui è ricco e lei è povera o viceversa.
Ovvio che due persone si possono amare intensamente anche senza firmare un contratto, ma se un amore è potente di suo il matrimonio serve solo a rafforzarlo.
Ora, dimmi te se nella società in cui viviamo non suonano strane queste parole.

Annunci

23 pensieri su “Cosa ne pensi del matrimonio?

  1. Suonano strane, si. Quel che una volta era la “norma”, la tradizione, l’usanza stantia e bigotta oggi è qualcosa che suona come un concetto rivoluzionario. L’evoluzione sociale ha portato con se la “verità” del legame ancestrale: assicurarsi le risorse. Oggi si chiamano “alimenti” e fanno parte del pacchetto matrimoniale in sè. Fare vivere un legame, dargli dignità di vita e condivisione non è facile ma certamente è stupendo pensare che possa esistere.
    Continuiamo a sognare

    • “Fare vivere un legame, dargli dignità di vita e condivisione ” è esattamente ciò che spero riesca a raggiungere nella mia vita, ce l’ho messo tra le righe, questo sogno.
      Grazie del commento.
      A.

    • Complimenti Renato Gentile per avere una percezione della realtá sul matrimonio esattamente al contrario, dal momento che semmai prima poteva definirsi un istituzione basata veramente sulla reciproca fiducia e sull’amore, oggi viene “inquinato” da interessi materiali come appunto gli “alimenti” che di fatto spronano quella maggioranza di persone venali a compiere il “grande passo” solo per questioni economiche. Continua pure a sognare (i sogni a volte sono un po strampalati si sa:)

  2. non so se un giorno lo scoprirò mai…cos’è davvero il matrimonio. Se è una convenzione o puro amore. So solo che è difficile condividere e convivere con un’altra persona la vita intera! Forse una persona la devi amare per davvero….

    • Mi viene spontaneo chiedere, anche se so che le risposte potrebbero essere molte e in contraddizione tra loro, ma perché amarci viene visto come un lavoro? E’ difficile di qua, è strano di là, voglio dire, se ti innamori di una persona veramente allora sarà spontaneo volere il matrimonio, o se vogliamo dire, semplicemente condividere con lei tutto il tempo che hai a disposizione. L’errore (sempre e solo secondo me) del fatto che non funzionano le cose è che molti a giorno d’oggi è come se facessero un accordo (parlo di chi si fidanza) e dicono “vediamo come va”, “massi, tanto l’amore non esiste, è solo per divertirmi un po’…” e quindi per forza poi le cose non funzionano. Poi ognuno è libro di fare ciò che vuole ma poi non si lamenti se il suo matrimonio non funziona. Certo, non voglio generalizzare ma se due persone si mettono insieme perché tanto “vediamo come va e poi decidiamo” non vivranno il rapporto in maniera così intensa come due che si innamorano veramente.
      Ma poi quando faccio questi discorsi mi sento così fuori luogo…
      A.

      • BismiLlah Al Rahman Al Rahim
        AlhamduliLlah ua assalatu ua assalamu ‘ala Rasuli Llah

        Carissima,
        mi ha toccato leggere le tue parole sul matrimonio perche’ riflettono il mio pensiero riguardo ad esso… Devo ringraziare Allah di avermi dato quello che cercavo… Nell’Islam uomo e donna cercano il matrimonio secondo regole ben precise, in conformita’ ai dettami di Allah nel Qur’an Karim e nella Sunnah del Suo Messaggero, pace e benedizione su di lui. Seguendo questi dettami sono arrivata a sposarmi e a sentire questo come il mio primo amore, dopo anni di attesa e di invocazioni ad Allah l’Altissimo.
        Il fatto di vivere secondo dei principi veri, provati, rende la vita una vera vita, diversamente si rimane allo stesso livello degli animali che per istinto mangiano, dormono, si accoppiano, fanno figli e non sanno per cosa vivono.
        La fede e’ un dono troppo prezioso perche’ possa essere stimato, puo’ capire questo chi ha vissuto nell’oscurita’ e ha poi visto la luce, chi ha conosciuto l’ignoranza e la bassezza dell’uomo-servo di se’ stesso ed e’ poi diventato un Uomo-servo del Creatore dell’Universo.
        Ti voglio bene
        Bushra

  3. Il matrimonio non è un contratto. Il matrimonio può durare fino all’ultimo respiro di uno dei due coniugi. Il matrimonio è quella condizione che quotidianamente ti mette alla prova. Il matrimonio è difficile, il matrimonio a volte è sofferenza il matrimonio è scoprirsi ogni giorno. Non so se l’essere umano è nato per essere monogamico, ma se si sceglie il matrimonio non lo si può fare alla “leggera”, lo si fa consapevoli che non sarà solo abito bianco, pranzo e viaggio di nozze. Il matrimonio comincia dopo…

      • Volevo rispondere a storiedalloccidente che il fatto che lei vive secondo i veri principi coranici (bellissimo libro che legittima la poligamia e giustifica l’uso della violenza sulle donne come riportato nella Sura IV versetto 34) non le dá il diritto di paragonare agli animali tutte le coppie del mondo che senza vincoli religiosi hanno cresciuto (o stanno crescendo) con Amore i loro figli. Saluti.

    • E’ vero solo se lo è anche nella tua testa. Uno dice di volerlo, volerlo col cuore, poi trova mille motivi, o dieci, o solo uno per sputtanarlo.

      • Tutto ciò che trasformeremo in realtà avrà sempre dei difetti. I sogni saranno sempre perfetti, non essendo concreti appunto.

    • Lo so, ma se hai aspettative troppo alte poi ci sono quelle cose tipo le delusioni, ecc.
      E’ bello combattere per ciò che si ama, è vero.
      Però ad esempio io, mi sento persa e a volte non so nemmeno cosa voglio.

      • ah ah no io lo so abbastanza 🙂
        certo, ci potrebbero essere delle varianti, sì… 😉
        E, appunto, di delusioni ce ne sono tante. Ma, che dire, “non posso vivere a metà, essere felice a metà, realizzare sogni a metà”. Almeno un 80% dai !

      • Non lo so, di base è tutto giusto quello che stai dicendo, poi se mi baso su quello che ho realizzato fino adesso tutto diventa così…sfocato.

  4. Ciao,
    innanzitutto bel blog, me lo sto spulciando da un quarto d’ora e credo che continuerò ancora un po’.

    Ho un padre ed una madre che si sono conosciuti all’università, per entrambi era il primo amore, sono stati fidanzati sette anni prima del matrimonio, ogni tanto li becco in momenti compromettenti, mio padre le porta ancora i fiori ogni diavolo di anno non per l’anniversario di matrimonio, ma di fidanzamento. Eppure, eppure…quando ho letto la prima domanda che poni nel post, della serie “secondo voi esistono persone così?” la mia risposta istintiva è stato un secco “ahahah no”. Solo poi mi sono ricordato dei miei. Succede sempre. M’impongo sempre d’averli come esempio universale, e lo sono, ma spesso la società in cui siamo immersi sorpassa i nostri esempi e ci fa diventare un po’ troppo cinici per quello che meriteremmo. È verissimo ciò che hai scritto, anch’io penso spesso guardando altre situazioni familiari che il matrimonio sia una cosa davvero sacra, che non sia decisamente alla portata di tutti.

    Per quanto riguarda il discorso di quelli che “vediamo come va”, devo dirti che tempo fa anch’io ero straconvinto di quello che hai scritto, avevo la stessa tua opinione, rafforzata anche dalla mia di situazione. Ma…col tempo, ho visto tante di quelle coppie, che ad oggi non mi sento più di poter esserne così convinto. Eppure mi farebbe anche comodo, ma ad essere davvero onesti non posso più dire con la certezza di una volta che un matrimonio intrapreso con un più o meno esplicito “vediamo come va”, senza neanche nominare i matrimoni riparatori, debba essere destinato a una brutta fine. Non lo so, ripeto anch’io credo nel matrimonio come traguardo sacro e inarrivabile della mia vita, non riesco a immaginarmi mai con nessuna, lo vedo sempre più lontano e alto, ma ho avuto esperienza che non debba essere per forza così. Certe volte sembra davvero che si possa imparare ad amarsi, a convivere, ad apprezzarsi nei propri pregi, certe volte davvero un matrimonio mal raccattato arriva a rafforzarsi ogni giorno, e ne ho visti.

    Non sono più sicuro di niente ahahah 😛

    Un saluto 😉

    • Ciao!
      Questo è decisamente il commento più lungo che mi abbiano mai scritto, e per una blogger è il massimo. Ti ringrazio di aver esposto le tue opinioni e di aver raccontato l’esperienza dei tuoi.
      Devo dire -con tutto il cuore, davvero- di essere contentissima per loro, anche se non li conosco, anche se non conosco te. Io “vivo” di questi momenti, mi piace pensare che al mondo ci siano ancora persone che vivono bene, secondo i loro principi infischiandosi della società e delle sue “strane regole”.
      “M’impongo sempre d’averli come esempio universale, e lo sono, ma spesso la società in cui siamo immersi sorpassa i nostri esempi e ci fa diventare un po’ troppo cinici per quello che meriteremmo” dici, e hai ragione, ma ti prego di difenderti dalla società proprio usando il loro esempio, di prevenire le delusioni agendo in base a dei principi saldi. So che è difficile, ma è meglio che sprecare la propria vita con chi non fa altro che non apprezzarti fino in fondo.
      Ed è un “consiglio” che devo seguire anche io, in primis, figurati. 😉

      E comunque non sei l’unico, nemmeno io sono più sicura di niente. E in più ormai, non do niente per scontato. Per me funziona così, tutto è così imprevedibile che è difficile avere la mossa pronta per tutto.

      Buona giornata, e grazie per la visita.
      A.

  5. Bel blog! Non certo da 5 minuti….:-)
    Riguardo il tema in questione, che dire? Sono sposato da 19 anni, sto con lei da 27, la conosco da 41. Ho (va be’, diciamo abbiamo) avuto davvero un gran culo. Almeno per ora!

    • Che bello! Sai che un commento del genere sotto questo articolo è il massimo!? Ti ringrazio! E sono felice per voi!!
      E grazie dei complimenti. 🙂
      A.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Cosa ne pensi del matrimonio?

Link alla domanda

Penso che le cose siano cambiate.
Sinceramente, esistono ancora persone che si innamorano perdutamente e si sposano con la persona che è stata il loro primo amore, per poi passare tutta la vita con lei senza mai tradirla anche solo con il pensiero, finché morte non li separi?
Forse il matrimonio non significa solo questo, forse due persone si possono sposare anche dopo cinque anni di convivenza, avere due conti separati, dividere le spese equamente fino all’ultimo centesimo, litigare per chi lava il bagno e per chi stira; ma io quando sento la parola matrimonio mi viene in mente solo quello che ho descritto nel primo paragrafo.
Per certi versi alcuni ancora ci credono all’amore quello vero, ma per troppi rimane un contratto che assicurerà dei beni una volta divorziati, non parliamo poi di quelle che si sposano per soldi con uomini che non considererebbero nemmeno se non avessero tutti quei fottuti soldi.
Penso che il matrimonio sia una cosa sacra, troppo sacra, che persone così superficiali e materialiste non meriterebbero nemmeno. Il matrimonio unisce due persone perché si amano, anche se queste persone non hanno niente, anche se lui è ricco e lei è povera o viceversa.
Ovvio che due persone si possono amare intensamente anche senza firmare un contratto, ma se un amore è potente di suo il matrimonio serve solo a rafforzarlo.
Ora, dimmi te se nella società in cui viviamo non suonano strane queste parole.

23 pensieri su “Cosa ne pensi del matrimonio?

  1. Suonano strane, si. Quel che una volta era la “norma”, la tradizione, l’usanza stantia e bigotta oggi è qualcosa che suona come un concetto rivoluzionario. L’evoluzione sociale ha portato con se la “verità” del legame ancestrale: assicurarsi le risorse. Oggi si chiamano “alimenti” e fanno parte del pacchetto matrimoniale in sè. Fare vivere un legame, dargli dignità di vita e condivisione non è facile ma certamente è stupendo pensare che possa esistere.
    Continuiamo a sognare

    • “Fare vivere un legame, dargli dignità di vita e condivisione ” è esattamente ciò che spero riesca a raggiungere nella mia vita, ce l’ho messo tra le righe, questo sogno.
      Grazie del commento.
      A.

    • Complimenti Renato Gentile per avere una percezione della realtá sul matrimonio esattamente al contrario, dal momento che semmai prima poteva definirsi un istituzione basata veramente sulla reciproca fiducia e sull’amore, oggi viene “inquinato” da interessi materiali come appunto gli “alimenti” che di fatto spronano quella maggioranza di persone venali a compiere il “grande passo” solo per questioni economiche. Continua pure a sognare (i sogni a volte sono un po strampalati si sa:)

  2. non so se un giorno lo scoprirò mai…cos’è davvero il matrimonio. Se è una convenzione o puro amore. So solo che è difficile condividere e convivere con un’altra persona la vita intera! Forse una persona la devi amare per davvero….

    • Mi viene spontaneo chiedere, anche se so che le risposte potrebbero essere molte e in contraddizione tra loro, ma perché amarci viene visto come un lavoro? E’ difficile di qua, è strano di là, voglio dire, se ti innamori di una persona veramente allora sarà spontaneo volere il matrimonio, o se vogliamo dire, semplicemente condividere con lei tutto il tempo che hai a disposizione. L’errore (sempre e solo secondo me) del fatto che non funzionano le cose è che molti a giorno d’oggi è come se facessero un accordo (parlo di chi si fidanza) e dicono “vediamo come va”, “massi, tanto l’amore non esiste, è solo per divertirmi un po’…” e quindi per forza poi le cose non funzionano. Poi ognuno è libro di fare ciò che vuole ma poi non si lamenti se il suo matrimonio non funziona. Certo, non voglio generalizzare ma se due persone si mettono insieme perché tanto “vediamo come va e poi decidiamo” non vivranno il rapporto in maniera così intensa come due che si innamorano veramente.
      Ma poi quando faccio questi discorsi mi sento così fuori luogo…
      A.

      • BismiLlah Al Rahman Al Rahim
        AlhamduliLlah ua assalatu ua assalamu ‘ala Rasuli Llah

        Carissima,
        mi ha toccato leggere le tue parole sul matrimonio perche’ riflettono il mio pensiero riguardo ad esso… Devo ringraziare Allah di avermi dato quello che cercavo… Nell’Islam uomo e donna cercano il matrimonio secondo regole ben precise, in conformita’ ai dettami di Allah nel Qur’an Karim e nella Sunnah del Suo Messaggero, pace e benedizione su di lui. Seguendo questi dettami sono arrivata a sposarmi e a sentire questo come il mio primo amore, dopo anni di attesa e di invocazioni ad Allah l’Altissimo.
        Il fatto di vivere secondo dei principi veri, provati, rende la vita una vera vita, diversamente si rimane allo stesso livello degli animali che per istinto mangiano, dormono, si accoppiano, fanno figli e non sanno per cosa vivono.
        La fede e’ un dono troppo prezioso perche’ possa essere stimato, puo’ capire questo chi ha vissuto nell’oscurita’ e ha poi visto la luce, chi ha conosciuto l’ignoranza e la bassezza dell’uomo-servo di se’ stesso ed e’ poi diventato un Uomo-servo del Creatore dell’Universo.
        Ti voglio bene
        Bushra

  3. Il matrimonio non è un contratto. Il matrimonio può durare fino all’ultimo respiro di uno dei due coniugi. Il matrimonio è quella condizione che quotidianamente ti mette alla prova. Il matrimonio è difficile, il matrimonio a volte è sofferenza il matrimonio è scoprirsi ogni giorno. Non so se l’essere umano è nato per essere monogamico, ma se si sceglie il matrimonio non lo si può fare alla “leggera”, lo si fa consapevoli che non sarà solo abito bianco, pranzo e viaggio di nozze. Il matrimonio comincia dopo…

      • Volevo rispondere a storiedalloccidente che il fatto che lei vive secondo i veri principi coranici (bellissimo libro che legittima la poligamia e giustifica l’uso della violenza sulle donne come riportato nella Sura IV versetto 34) non le dá il diritto di paragonare agli animali tutte le coppie del mondo che senza vincoli religiosi hanno cresciuto (o stanno crescendo) con Amore i loro figli. Saluti.

    • E’ vero solo se lo è anche nella tua testa. Uno dice di volerlo, volerlo col cuore, poi trova mille motivi, o dieci, o solo uno per sputtanarlo.

      • Tutto ciò che trasformeremo in realtà avrà sempre dei difetti. I sogni saranno sempre perfetti, non essendo concreti appunto.

    • Lo so, ma se hai aspettative troppo alte poi ci sono quelle cose tipo le delusioni, ecc.
      E’ bello combattere per ciò che si ama, è vero.
      Però ad esempio io, mi sento persa e a volte non so nemmeno cosa voglio.

      • ah ah no io lo so abbastanza 🙂
        certo, ci potrebbero essere delle varianti, sì… 😉
        E, appunto, di delusioni ce ne sono tante. Ma, che dire, “non posso vivere a metà, essere felice a metà, realizzare sogni a metà”. Almeno un 80% dai !

      • Non lo so, di base è tutto giusto quello che stai dicendo, poi se mi baso su quello che ho realizzato fino adesso tutto diventa così…sfocato.

  4. Ciao,
    innanzitutto bel blog, me lo sto spulciando da un quarto d’ora e credo che continuerò ancora un po’.

    Ho un padre ed una madre che si sono conosciuti all’università, per entrambi era il primo amore, sono stati fidanzati sette anni prima del matrimonio, ogni tanto li becco in momenti compromettenti, mio padre le porta ancora i fiori ogni diavolo di anno non per l’anniversario di matrimonio, ma di fidanzamento. Eppure, eppure…quando ho letto la prima domanda che poni nel post, della serie “secondo voi esistono persone così?” la mia risposta istintiva è stato un secco “ahahah no”. Solo poi mi sono ricordato dei miei. Succede sempre. M’impongo sempre d’averli come esempio universale, e lo sono, ma spesso la società in cui siamo immersi sorpassa i nostri esempi e ci fa diventare un po’ troppo cinici per quello che meriteremmo. È verissimo ciò che hai scritto, anch’io penso spesso guardando altre situazioni familiari che il matrimonio sia una cosa davvero sacra, che non sia decisamente alla portata di tutti.

    Per quanto riguarda il discorso di quelli che “vediamo come va”, devo dirti che tempo fa anch’io ero straconvinto di quello che hai scritto, avevo la stessa tua opinione, rafforzata anche dalla mia di situazione. Ma…col tempo, ho visto tante di quelle coppie, che ad oggi non mi sento più di poter esserne così convinto. Eppure mi farebbe anche comodo, ma ad essere davvero onesti non posso più dire con la certezza di una volta che un matrimonio intrapreso con un più o meno esplicito “vediamo come va”, senza neanche nominare i matrimoni riparatori, debba essere destinato a una brutta fine. Non lo so, ripeto anch’io credo nel matrimonio come traguardo sacro e inarrivabile della mia vita, non riesco a immaginarmi mai con nessuna, lo vedo sempre più lontano e alto, ma ho avuto esperienza che non debba essere per forza così. Certe volte sembra davvero che si possa imparare ad amarsi, a convivere, ad apprezzarsi nei propri pregi, certe volte davvero un matrimonio mal raccattato arriva a rafforzarsi ogni giorno, e ne ho visti.

    Non sono più sicuro di niente ahahah 😛

    Un saluto 😉

    • Ciao!
      Questo è decisamente il commento più lungo che mi abbiano mai scritto, e per una blogger è il massimo. Ti ringrazio di aver esposto le tue opinioni e di aver raccontato l’esperienza dei tuoi.
      Devo dire -con tutto il cuore, davvero- di essere contentissima per loro, anche se non li conosco, anche se non conosco te. Io “vivo” di questi momenti, mi piace pensare che al mondo ci siano ancora persone che vivono bene, secondo i loro principi infischiandosi della società e delle sue “strane regole”.
      “M’impongo sempre d’averli come esempio universale, e lo sono, ma spesso la società in cui siamo immersi sorpassa i nostri esempi e ci fa diventare un po’ troppo cinici per quello che meriteremmo” dici, e hai ragione, ma ti prego di difenderti dalla società proprio usando il loro esempio, di prevenire le delusioni agendo in base a dei principi saldi. So che è difficile, ma è meglio che sprecare la propria vita con chi non fa altro che non apprezzarti fino in fondo.
      Ed è un “consiglio” che devo seguire anche io, in primis, figurati. 😉

      E comunque non sei l’unico, nemmeno io sono più sicura di niente. E in più ormai, non do niente per scontato. Per me funziona così, tutto è così imprevedibile che è difficile avere la mossa pronta per tutto.

      Buona giornata, e grazie per la visita.
      A.

  5. Bel blog! Non certo da 5 minuti….:-)
    Riguardo il tema in questione, che dire? Sono sposato da 19 anni, sto con lei da 27, la conosco da 41. Ho (va be’, diciamo abbiamo) avuto davvero un gran culo. Almeno per ora!

    • Che bello! Sai che un commento del genere sotto questo articolo è il massimo!? Ti ringrazio! E sono felice per voi!!
      E grazie dei complimenti. 🙂
      A.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.