Guardami, sai tutto

Continuava a ripetere “di te non so niente”, “non ti conosco”, “non mi dici nulla” eppure viveva di me, viveva con me, mi ascoltava, mi guardava, mi respirava.

Sapeva come mangiavo, cosa, quanto leggevo, cosa mi infastidiva, quando ridevo e perché piangevo.

Gli raccontavo dei miei progetti, delle mie passioni, degli hobby.

Toccava il mio corpo, la mia mente, il mio carattere, i miei vestiti e i miei oggetti personali. Eppure lui diceva di non conoscermi, di non sapere nulla, di non capirmi.

Forse aspettava racconti del mio passato, forse voleva qualche dettaglio sui miei drammi e sui miei scheletri nell’armadio.

“Ma io li ho condivisi con te.”

No, non è vero.

Non voglio che una persona viva nel mio passato, voglio che viva nel mio presente.

Non dirmi che non sai nulla. Guardati intorno. Guardami. Sai tutto.

Leave a Reply

Your email address will not be published.